Covid19: gestione aziendale delle condizioni di fragilitĂ 

Alcune condizioni di salute sono ritenute un fattore di maggiore suscettibilità (e cioè di fragilità) nei confronti del Sars-Cov-2 (Coronavirus). Fra queste, le principali sono:

1. EtĂ  superiore ai 65 anni;
2. Lavoratori giĂ  affetti da patologie critiche tra cui:

  • Neoplasie maligne
  • Diabete in compenso labile
  • Ipertensione arteriosa non stabilizzata
  • Malattie cardiovascolari minacciose
  • Malattie croniche delle vie respiratorie con deficit ventilatorio
  • Malattie e terapie che indeboliscono il sistema immunitario (ad es. terapia con cortisonici)

3. Lavoratori con insufficienti capacitĂ  cognitive e comportamentali: per questi lavoratori possono essere necessarie particolari misure di tutela che in qualche caso possono anche prevedere la sospensione dell'attivitĂ  lavorativa
4. Gravidanza

NB: deve essere valutata caso per caso la gravitĂ  di ciascuna delle condizioni sopra riportate

Nel caso in cui un lavoratore ritenga di trovarsi in una condizione di iper-suscettibilitĂ  per motivi di salute nei confronti dell'emergenza pandemica di Sars-Cov-2 (Coronavirus), dovrĂ 

  • rivolgersi tempestivamente al proprio Medico di Medicina Generale (MMG – Medico di base) per richiedere lo stato di malattia “preventiva”; il medico invierĂ  all'INPS opportuno certificato specificando il codice V07 precisando la patologia o le patologie di cui sopra
  • qualora il MMG decidesse di non procedere in tal senso, il lavoratore gli richiede un certificato, da consegnare poi al Medico Competente, che attesti le patologie di cui soffre
  • Il medico competente, nel rispetto della normativa sulla privacy, segnalerĂ  il caso alla direzione aziendale per gli opportuni provvedimenti

Cliccando qui potrete scaricare una comunicazione da diffondere ai lavoratori e/o RLS 

24 marzo 2020 

« torna Indietro