Vaccinazione antitetanica sul lavoro: novità

Per la prevenzione del rischio di infezione tetanica, è da poco disponibile  un test rapido che si effettua su sangue capillare (con una piccola puntura del polpastrello) e che permette di verificare in pochi minuti il livello degli anticorpi contro il tetano.

Questo test permette di procedere ai richiami del vaccino (finora decennali) solo in caso di effettiva necessità, quando il livello di anticorpi risulti basso evitando, fra l'altro, le rare ma possibili  reazioni avverse al vaccino.

L'uso sperimentale di questo test negli ultimi mesi ci ha permesso di ridurre di molto la somministrazione di dosi di vaccino in quanto i lavoratori risultavano già coperti da immunità anche dopo i 10 anni previsti per i richiami o in caso di incertezza sulla data del ciclo vaccinale precedente.

Per questi motivi, abbiamo così deciso di adottare questo test per verificare la necessità o meno di un richiamo o dell'intero ciclo vaccinale sui lavoratori per i quali è prevista la vaccinazione antitetanica nell'ambito della sorveglianza sanitaria sul lavoro.

I costi per l'azienda rimarranno invariati rispetto a quelli attualmente previsti per una dose di vaccino.

« torna Indietro