Importante novità in materia di rifiuti: proroga della comunicazione del MUD 2021 con scadenza al 16 giugno 2021

Il Modello Unico di Dichiarazione Ambientale MUD per l'anno 2021, approvato e modificato con il DPCM 23 dicembre 2020, dovrà essere presentato da produttori e gestori di rifiuti entro il 16 giugno 2021.

L'adozione di un nuovo modello per l'anno 2021, si legge nel preambolo del provvedimento, è stata richiesta dal Ministero dello Sviluppo Economico e dal Ministero dell'Ambiente al fine di "poter acquisire i dati relativi ai rifiuti da tutte le categorie di operatori, in attuazione della più recente normativa europea".

I soggetti interessati non sono variati rispetto agli anni precedenti, mentre sono state apportate le seguenti modifiche/integrazioni:

  • Gli impianti che svolgono attività di recupero dovranno comunicare, nella scheda SA-AUT, se l'autorizzazione è riferita ad attività di recupero per le quali è stata prevista applicazione del c.3 art. 184ter;
  • Nella comunicazione rifiuti e veicoli fuori uso sono state apportate modifiche alle informazioni relative ai materiali derivanti dall'attività di recupero, con l'aggiunta di alcune tipologie e la modifica di altre;
  • La scheda CG - costi di gestione della comunicazione rifiuti urbani è stata completamente rivista;
  • Sono state modificate le categorie della comunicazione RAEE per adeguarle all'entrata in vigore dell'open scope e della classificazione prevista dall'allegato III al D.lgs. 49/2014;
  • Sempre nella comunicazione RAEE è stata aggiunta la voce relativa alla quantità di RAEE preparati per il riutilizzo, mentre è stata eliminata l'informazione sui RAEE utilizzati come apparecchiatura intera.

Il nostro Ufficio Ambiente provvederà a mantenervi costantemente aggiornati in merito alla scadenza di presentazione e su eventuali altre variazioni sull'argomento.

Per ulteriori informazioni potete contattare il Dott. Andrea Balduzzi via mail all'indirizzo andrea.balduzzi@prosalute.net e al numero +39 3666437567.

 

Trento, 22/02/2021

« torna Indietro

Tags:

RIFIUTI MUD